Book of Hours of Anna Sforza

Book of Hours of Anna Sforza

Lat. 74 = alfa Q. 9. 31

Biblioteca Estense Universitaria, Modena (Italy)

Limited Edition: 300 copies

 

  • Manuscript on parchment 24 × 14 cm − 278 pp.
  • 278 pagine di cui 12 interamente  miniate con immagini di Santi e 146 con lettere miniate.
  • Tiratura limitata a 299 esemplari.
  • Carta vegetale trattata a mano per il raggiungimento dello stato ottimale di invecchiamento.
  • Legatura e coperta eseguite artigianalmente.
  • Cucitura fatta a mano su corde.
  • Incassatura su carta antica.
  • Taglio con doratura in oro

 

Riproduzione in facsimile dell’Offiziolo di Anna Sforza.

Il raffinatissimo codice, che sembra destinato a soddisfare un gusto tutto femminile per l’accuratezza delle lunghe e ondulate chiome delle molte sante raffigurate, fu composto per la giovane Anna Sforza, che nel 1491 divenne sposa di Alfonso I d’Este.

Officium Beatae Mariae Virginis di Anna Sforza

Lat. 74 = alfa Q. 9. 31

Modena, Biblioteca Estense Universitaria

Tiratura limitata a 299 esemplari

  • Formato cm. 14 x 24
  • 278 pagine di cui 12 interamente  miniate con immagini di Santi e 146 con lettere miniate.
  • Tiratura limitata a 299 esemplari.
  • Carta vegetale trattata a mano per il raggiungimento dello stato ottimale di invecchiamento.
  • Legatura e coperta eseguite artigianalmente.
  • Cucitura fatta a mano su corde.
  • Incassatura su carta antica.
  • Taglio con doratura in oro

Facsimile Edition

The refined codex, which seems intended to satisfy a completely feminine taste due to the accuracy of the long wavy hair of the many saints depicted, was composed for the young Anna Sforza, who in 1491 became the wife of Alfonso I d’Este.

The precious manuscript was painted in miniature by Francesco Binasco, active in Milan at the Sforza court between the end of the fifteenth and beginning of the sixteenth centuries.

In addition, the miniature, through warm and vibrant tones, has echoes of the style of the Lombard Bernardino Zenale and architectural perspective, an expression of the Renaissance, reflects the influence of Leonardo and Bramante, present in Milan at the end of the fifteenth century.

However, echoes of the fourteenth century remain in the miniature painting as well, in particular Flemish qualities, discernible in the buildings and from the late-Gothic spires that stand in the background. The splendor of the Visconti and Sforza courts has given the milanese miniature elegance and an exquisite and refined taste, whose elegance can be seen in the figures.